le anime dello sviluppo

Le anime dello sviluppo

L’ASEAN ha imposto la propria diversità come un valore fondante, uno strumento di stabilità e un trampolino per la crescita. Nessuna organizzazione regionale presenta una così vasta pluralità di sistemi politici, eredità culturali, tradizioni popolari, esperimenti sociali. Il rispetto dell’alterità è stato prezioso nel lungo, spesso faticoso, cammino della lotta al sottosviluppo. I dieci paesi dell’Associazione, spesso antagonisti nella storia, hanno costruito un modus vivendi imperniato sulla tolleranza che conduce alla pace. In questa cornice, le differenze religiose non sono un’eccezione. Convivono e trainano le società verso il loro riscatto, in un ventaglio di esperienze redditizie. Si afferma un ruolo più moderno delle religioni: identitario per la difesa del tessuto sociale, vigile per contrastare ogni radicalizzazione, equilibratore delle disparità arrecate della globalizzazione economica.

INDICE

 

Prefazione di Enrico Letta

 

Introduzione di Romeo Orlandi

 

 

I numeri e la sovrastruttura di Romeo Orlandi

 

Fedi e popoli nel sud-est asiatico di Valeria Martano

 

L’economia buddista: una guida per la creazione di un’economia

equa, sostenibile e solidale di Clair Brown

 

Liberazione, concentrazione e il ruolo di equilibrio della

Muhammadiyah indonesiana di Bambang Setiaji e Haedar

Nashir

 

L’economia islamica nel sud-est asiatico di Roberto Fabbri

 

Lo sviluppismo bumiputra e la politicizzazione dell’Islam in

Malaysia di Andreas Ufen

 

Le Filippine: ibrido originale di Mario Giro

 

San Tommaso d’Aquino a Singapore. L’esistenza degna della

vita: la Nuova Teoria della Legge Naturale di Chua Soo

Meng Jude

 

Tamilakkam: movimenti religiosi e migrazioni nelle rotte

commerciali tra Sud dell’India e Oceano Indiano di Sauro

Mezzetti

 

Il tantrismo e la formazione dello Stato in Indonesia di Andrea

Acri

 

Notizie sul Curatore e sugli Autori