Festa dei lavoratori

1 maggio 2022

I disoccupati erano numerosi, e i rapporti tra datori di lavoro e lavoratori erano durissimi. Non esistevano ancora tutele sindacali e c’era molta disuguaglianza tra donne e uomini. Quante volte mi sono fatta carico in prima persona delle loro rivendicazioni, andando a parlare al loro posto! Su di me, che ero una studentessa, era difficile che il padrone facesse ritorsioni. Una volta ottenuti i risultati, bisognava continuare a parlare con le ragazze, spingerle a restare unite, a iscriversi al sindacato, a tutelarsi, convincerle che un risultato ottenuto va difeso.

Tina Anselmi, Storia di una passione politica, Sperling e Kupfer Editori.

Buon Primo Maggio!