Il regolamento europeo sulla privacy (GDPR): alcune riflessioni sugli impatti

20/12/2018

La discussione sul trattamento dei dati sensibili su internet è complessa e rilevante. Se ne è discusso nell’incontro di ieri, svoltosi nell’ambito dell’Osservatorio Reti, diretto da Alberto Biancardi e Giulio Napolitano. L’Europa dà priorità al diritto alla privacy, prevedendo un rigido sistema sanzionatorio a fronte di una violazione della normativa; gli Stati Uniti, invece, fanno prevalere un approccio a favore della libertà di espressione, ma la recente normativa dell’UE, entrata in vigore a maggio 2018, è divenuta un punto di riferimento anche nel dibattito statunitense.

Ha introdotto il seminario Enrico Letta (AREL). Giovanni Buttarelli (Garante europeo per la protezione dei dati personali) ha presentato una relazione in video conferenza, cui è seguita una discussione, avviata da Antonello Soro (Garante europeo per la protezione dei dati personali). Sono intervenuti Guido Stazi (Comitato per le valutazioni economiche, Autorità garante della concorrenza e del mercato), Laura Liguori (Portolano Cavallo), Gilberto Nava (Chiomenti). In seguito si è svolto un dibattito fra i presenti all’incontro, concluso dalle parole di Alberto Biancardi e Giulio Napolitano.