Quale riforma del settore idrico “Acqua: non smontare la regolazione”

14/11/2018

Un messaggio forte al Parlamento è venuto ieri dal seminario che si è tenuto all’AREL sul tema “Quale riforma per il settore idrico in Italia”: quello di non apportare modifiche traumatiche a un sistema che sta dando frutti importanti anche sul piano degli investimenti. L’incontro ha preso spunto da un’analisi effettuata da Ref.ricerche sulla performance registrata dal settore idrico nel nostro paese a sette anni dalla attribuzione di competenze di regolazione ad Arera. Attualmente sono allo studio del Parlamento due disegni di legge che modificherebbero profondamente un settore nel quale si stanno producendo importanti risultati.

La relazione corredata da slides esplicative è stata tenuta da Donato Berardi, direttore del Laboratorio di Ref Ricerche. Ha guidato i lavori Alberto Biancardi, responsabile Energia e Infrastrutture dell’AREL; hanno partecipato i rappresentanti delle principali Associazioni di settore.

 

Leggi  gli articoli su  il Sole 24 Ore e Staffetta Acqua  (Quotidiano dell’Acqua e dei Servizi Idrici)